Sostituzione e/o manutenzione dei beni mobili in un’abitazione in affitto

Affitto di una abitazione ammobiliata: chi deve farsi carico della sostituzione e/o della manutenzione dei beni mobili della casa in caso di deterioramento?

Capita di frequente che chi si trasferisce alle Canarie, nel momento di decidere la propria sistemazione, opti per un affitto di un’abitazione ammobiliata, scelta questa che comporta vari benefici, così come anche alcune situazioni problematiche: ad esempio potrebbe succedere che alcuni elementi facenti parte dell’arredo si possano deteriorare nel corso del periodo di affitto in modo tale da poter generare un conflitto tra le parti.

L’articolo 2 della LAU (Ley de Arrendamientos Urbanos n. 29/1994, del 24 novembre 1994) stabilisce che le norme che regolano l’affitto di una casa si applicano, tra l’altro, anche ai mobili che si trovano nella stessa.

Detto ciò, vediamo a chi corrisponde l’obbligo di riparare o sostituire gli elementi che si danneggiano o si rompono in casa.

Leggi spagnole per affittuari e affittanti

Ley de Arrendamientos Urbanos: articoli e principi fondamentali

Esaminando l’articolo 21 della stessa legge, possiamo dire che è obbligato il proprietario dell’immobile alla sostituzione o riparazione degli elementi deteriorati quando questi ultimi non sono più adatti ad adempire alla loro funzione primaria, sempre che la colpa del danneggiamento non sia imputabile all’affittuario.

Ciò vuol dire che se si danneggiano per un caso fortuito, forza maggiore o semplicemente per usura dovuta al normale utilizzo nel tempo, sarà responsabilità del proprietario la riparazione o sostituzione.

Quest’obbligo ha come contropartita l’obbligo da parte dell’affittuario di informare il proprietario nel più breve tempo possibile del danneggiamento rinvenuto: se l’inquilino non dovesse informare in tempo riguardo la necessità della sostituzione o della riparazione o comunque dello stato della cosa,  la stessa sarà allora a suo carico.

Alcuni esempi pratici

Così, ad esempio:

  • Dovesse rompersi la cinghia della lavatrice a causa del normale uso della stessa, la riparazione sarà a carico del proprietario, sempre che l’inquilino lo abbia informato in tempo.
  • Se invece la lavatrice si rompe per eccesso di carico, la responsabilità sarà dell’inquilino per aver fatto un uso non corretto dell’elettrodomestico.

Ancora un esempio:

  • Se l’inquilino dimentica la pentola sul fuoco e i fornelli si danneggiano, non si potrà dare la responsabilità al proprietario così come non lo si potrà obbligare alla relativa sostituzione.
  • Se, invece, i fornelli non riscaldano più a causa del decorso del tempo , sarà il proprietario a dover riparare o sostituire gli stessi.

In ogni caso sarà compito dell’inquilino dimostrare la propria estraneità all’accaduto (art. 1563 Código Civil).

Per ultimo, la sostituzione degli elementi di uso giornaliero, tali come lampadine, lenzuola, piatti, ecc., è sempre a carico dell’inquilino, a meno che non si sia convenuto a diverso tipo di accordo nella stipula del contratto d’affitto.

Raccomandazione importante: stipulare sempre un inventario degli oggetti in casa

Come raccomandazione generale, al momento di firmare un contratto, sarà sempre conveniente redigere un inventario degli elementi all’interno della casa, possibilmente corredato da foto che testimonino lo stato di fatto, tenendo bene in conto che esiste la presunzione legale che gli elementi risultino essere in buono stato all’atto della stipula del contratto d’affitto (1562 Código Civil) e che è obbligo dell’inquilino segnalare in tempo eventuali problemi in merito.